top of page

Olivi come elefanti

Incontro talmente tanti olivi secchi che le campagne a volte assumono un’atmosfera spettrale. 

Questi pachidermi di cellulosa sembrano stati pietrificati da un vento tossico o da un’eruzione di ceneri ardenti. Come se qualcosa di catastrofico li avesse colti di sorpresa. E invece no. È un organismo invisibile all’occhio umano. È un batterio: la Xylella.

Pochi micrometri di dimensione, eppure ha prodotto danni su una scala di centinaia di chilometri. Sembra che siano le cose più piccole a creare i danni più gravi. 

Sto attraversando il Salento a piedi. Passo dopo passo, assorbo i cambiamenti che ha vissuto questa terra.

In varie parti del mondo le sottospecie di Xylella hanno decimato frutteti e vigneti. 

Il batterio produce nell’olivo una malattia che lo porta a seccare completamente, come se bloccasse il flusso delle sue arterie vitali.  Non esiste ancora una cura. 

Tra i tentativi più recenti c’è quello di addestrare i cani a fiutare gli alberi infetti, per sradicarli in tempo, prima che passino la malattia a quelli accanto.




Comments


bottom of page